La scuola diventa un museo permanente. E’ questo l’obiettivo con cui l’Associazione Aci&Galatea-Roma, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Guicciardini – scuola Ruggero Bonghi (Roma) ha presentato la “Scuola Museo”, un progetto ideato da Rosetta Attento, preside dell’istituto e dall’artista Teresa Coratella. “La scuola diventa un luogo dove l’arte si vive – spiega l’Attento – e mette in contatto i ragazzi con il loro mondo interiore”. Basta camminare all’interno dell’istituto scolastico per ammirare le opere pittoriche e le poesie impresse sui muri dei lunghi corridoi. I ragazzi delle scuole elementari e medie hanno partecipato attivamente, componendo le opere, affianco agli artisti che le hanno donate alla scuola. “Sarà un museo permanente” spiega la dirigente, le opere, infatti, resteranno all’interno della scuola “per sempre”. Ideatrice del progetto anche l’artista, Teresa Coratella, che insieme ai bambini della scuola elementare ha composto l’opera “Polvere di stelle”. Tanti altri gli artisti coinvolti, tra i quali, Tomaso Binga nome d’arte di Bianca Menna, Enzo Barchi, Giancarlino Benedetti Corcos, Claudio Bianchi, Tommaso Cascella Solveig Cogliani, Bruno Ceccobelli, Andrea Fogli, Adelaide Innocenti, Mark Kostabi & Tony Esposito, Gianfranco Notargiacomo e Salvatore Pupillo. I poeti Rossana Coratella, Carmen Costanzo, Anna Fracchiolla, Nina Maroccolo Francesco Gallo Mazzeo, Antonella Pagano, Plinio Perilli e Angelo Sagnelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brexit, perché votare per l’Europa se non s’insegna a scuola la sua storia?

prev
Articolo Successivo

Maturità 2016, terza prova: “Due ragazzi su cinque conoscono già le materie scelte”

next