La Gran Bretagna è fuori dall’Unione Europea e dalle prime ore del mattino davanti ai cancelli di Downing Street, dimora del primo ministro britannico, si è via via radunata una folla di sostenitori della Brexit non solo per manifestare la gioia per la vittoria ma anche per chiedere le dimissioni di David Cameron, il grande sconfitto del referendum. “Non è solo un voto per il nostro paese, è un voto per tutta l’Europa, per dire che c’è un modo diverso di fare le cose” dice uno dei giovani, reduce da una notte di attesa e festeggiamenti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cade il mito dell’Austria felix, populismi e demagogia in un Paese impaurito

prev
Articolo Successivo

Brexit, l’economista Beckett: “Viviamo in mondo globalizzato, brutto passo indietro”

next