La Gran Bretagna è fuori dall’Unione Europea e dalle prime ore del mattino davanti ai cancelli di Downing Street, dimora del primo ministro britannico, si è via via radunata una folla di sostenitori della Brexit non solo per manifestare la gioia per la vittoria ma anche per chiedere le dimissioni di David Cameron, il grande sconfitto del referendum. “Non è solo un voto per il nostro paese, è un voto per tutta l’Europa, per dire che c’è un modo diverso di fare le cose” dice uno dei giovani, reduce da una notte di attesa e festeggiamenti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cade il mito dell’Austria felix, populismi e demagogia in un Paese impaurito

next
Articolo Successivo

Brexit, l’economista Beckett: “Viviamo in mondo globalizzato, brutto passo indietro”

next