IL CIOCCOLATO DI MODICA

modicaIl cioccolato di Modica, conosciuto in tutto il mondo, ha due caratteristiche: viene lavorato a freddo ed è fatto senza l’utilizzo del burro di cacao. Fino a qualche anno fa, era un prodotto da consumare fresco. Se non veniva mangiato subito diventava bianco e si sbriciolava. Per anni, questi due difetti sono stati scambiati erroneamente per caratteristiche del cioccolato di Modica. Simone Sabaini, veronese, poco più che quarantenne, rivede totalmente il processo di produzione: la cioccolata Sabadì è lavorata a temperatura ancora più bassa e per più tempo. Le materie prime utilizzate nelle sue preparazioni sono slow food e provengono dal commercio equo e solidale. Ha studiato con l’università “La qualità della vita” un cioccolato biologico funzionale, ha pensato inoltre al cioccolato da consumare con la birra Baladin e a quello affinato in barrique.

DOVE TROVARLA: è possibile acquistare il cioccolato di Modica Sabadì sul sito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vino vegano, Luca Martini sommelier: “E’ un passo importante, come quando si fa il vino kosher, che viene controllato da un rabbino”

next
Articolo Successivo

Massimo Bottura, la sua Osteria Francescana è il primo ristorante al mondo: “Mi esplode il cuore, è una cosa meravigliosa”

next