Goethe sosteneva che l’Italia senza Sicilia non avrebbe avuto ragione d’essere, “non lascia immagine nello spirito, la Sicilia è la chiave di tutto”. Di meraviglie nell’isola ce ne sono parecchie: il paesaggio, la gente, il clima, il mare e anche il cibo. Se vi concedete una vacanza nella bella Trinacria potrete acquistare direttamente in loco le sue prelibatezze, al contrario vi indichiamo noi dove trovarle o come ordinarle on-line.

POMODORI DI PACHINO

pachinoSpesso, erroneamente, andiamo al mercato e chiediamo “pomodori Pachino”, pensando che siano una specifica varietà. Non sappiamo invece che con questo termine si indica solamente la provenienza e non la tipologia di ortaggio. Esistono infatti diverse specie di pomodori coltivati in questa località in provincia di Siracusa: il ciliegino, il costoluto, il tondo liscio e quello a grappolo.

DOVE TROVARLI: Spesso si trovano anche al supermercato. Per non farvi ingannare, controllate sempre che ci sia il bollino con il simbolo del Consorzio di Tutela. Se volete contattare direttamente i produttori per ordinare i pomodori, andate sul sito.

CONSIGLI A TAVOLA: Sono talmente buoni che sono ottimi mangiati anche da soli. Se volete destreggiarvi ai fornelli, fate un sugo con olio e basilico, o utilizzateli per condire delle bruschette.

Sicilia, 10 prodotti da assaggiare per portare in tavola l’estate

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vino vegano, Luca Martini sommelier: “E’ un passo importante, come quando si fa il vino kosher, che viene controllato da un rabbino”

prev
Articolo Successivo

Massimo Bottura, la sua Osteria Francescana è il primo ristorante al mondo: “Mi esplode il cuore, è una cosa meravigliosa”

next