Cinque vini vegani da assaggiare:

“Con la certificazione vegana sull’etichetta Ruchè La Tradizione 2014 diamo la serenità e la tranquillità che, in tutta la filiera produttiva, il vino non sia stato intaccato da nessun elemento di origine animale. Questo tipo di vino non è un capriccio. Esistono intere culture nel mondo che non mangiala tradizioneno animali o derivati”. Si calcola infatti che in India siano circa il 30% le persone vegane, ovvero oltre 300 milioni di persone.

Il vino: Ruchè La Tradizione 2014Ruchè di Castagnole Monferrato 100% lavorato in purezza. La zona di produzione è Castagnole Monferrato.

Indirizzo: Montalbera, Cantina di Castagnole Monferrato, Via Montalbera, 1 Castagnole Monferrato.

www.montalbera.it

 

Montalbera- Ruché Vegano

Da quest’anno Montalbera, con l’etichetta La Tradizione 2014, propone il primo Ruchè vegano al mondo. L’azienda di Castagnole Monferrato ha scelto di investire sulla certificazione a fronte di una specifica richiesta del mercato. Franco Morando ha creduto fortemente in questa scelta: “Il vino vegano è un vino nato dal frutto, dalla vigna, dal lavoro e dalla passione. Abbiamo voluto anche in questo caso interpretare 

INDIETRO

Vino vegano, Luca Martini sommelier: “E’ un passo importante, come quando si fa il vino kosher, che viene controllato da un rabbino”

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salumi da Re 2016, una selezione da non perdere: dalla coppa di Parma al culatello con cotenna

next
Articolo Successivo

Sicilia, 10 prodotti da assaggiare per portare in tavola l’estate

next