Se non siete mai stati all’Antica Corte Pallavicina è il caso di rimediare. Subito. Nella Bassa parmense prossima al Cremonese, sorge una corte edificata nel XV secolo, che fu prima castello e in seguito azienda agricola. Qui Massimo e Luciano Spigaroli hanno costruito un piccolo mondo incantato fatto di grandi salumi, azienda agricola, ristorante stellato e relais di charme. L’attrazione indiscussa è la cantina dei culatelli. Se si fa una passeggiata (rigorosamente con il naso all’insù per annusare buona), si possono notare, tra un salume e l’altro, le targhettine con le referenze dei proprietari che ogni anno prenotano la loro quantità di culatelli. Si scorgono così nomi di grandi ristoranti gourmet e di personalità influenti. In questa corte magica, da tre anni, la Famiglia Spigaroli insieme al Gambero Rosso organizza Salumi da Re, una kermesse che per tre giorni anima Polesine Parmense e diventa punto di ritrovo per esperti e appassionati. Noi di FQ Magazine, dopo giorni di assaggi, proviamo a indicarvi i salumi che ci hanno colpiti di più. Dividiamo la nostra classifica in proposte classiche, che sicuramente conoscerete e in proposte 3.0, totalmente nuove e innovative.
culatellizibEMILIA ROMAGNA: Culatello di Zibello Dop di Spigaroli

Il culatello di Zibello è ricavato dalla parte alta del suino. I culatelli dell’Antica Corte Pallavicina vengono lavorati solo nei mesi freddi (da ottobre a febbraio). La stagionatura varia dai 13 ai 20 mesi. Il peso è intorno ai 4 chili.

Sito: www.anticacortepallavicinarelais.it

Indirizzo: Strada del Palazzo Due Torri, 3, 43010 Polesine Parmense PR.

Salumi da Re 2016, una selezione da non perdere: dalla coppa di Parma al culatello con cotenna

AVANTI
Capitoli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vinitaly 2016, le tappe gourmet da non perdere a Verona

prev
Articolo Successivo

Vino vegano, Luca Martini sommelier: “E’ un passo importante, come quando si fa il vino kosher, che viene controllato da un rabbino”

next