No, io non lo credo. Se vissuta con consapevolezza, resta una delle poche, valide, speranze per l’umanità. E la scienza lo conferma: ridurre il consumo di carne è necessario. Lo scorso ottobre, l’Agenzia Internazionale sul cancro dell’Oms aveva puntato il dito contro le carni lavorate (wurstel, hot dogs, prosciutto, salsicce, carne in scatola, preparazioni e salse a base di carne). Queste carni sono state classificate dalla Iarc nel gruppo 1, insieme ad altre 115 sostanze che causano il cancro a pericolosità più alta, come il fumo, l’alcol, l’amianto, l’arsenico e il benzene. Lo studio ha evidenziato che consumando una porzione al giorno (50 gr) di carne lavorata, il rischio di cancro del colon-retto aumenta del 18%. Meno a rischio le carni rosse non lavorate, inserite fra le “probabilmente cancerogene”, nel gruppo 2A (dove è stato inserito anche il gliphosate per intenderci). Ovviamente, tutto dipende dalla quantità e dalla qualità della carne mangiata: assumere carne con moderazione, preferibilmente biologica, diminuisce ulteriormente il rischio.

Un recentissimo studio della Oxford University elenca i benefici di una dieta povera di proteine animali. Il rapporto non parla solo di miglioramenti in termini di salute, ma anche benefici ambientali: la transizione verso una dieta vegetariana potrebbe ridurre le emissione di CO2 del 29-70% entro il 2050. Una dieta vegetariana, improntata al buon senso e alla sobrietà, è anche una scelta di non violenza e democrazia. Non violenza verso gli animali, in particolare quelli da allevamento, che nascono, vivono e muoiono in condizioni spaventose. Democrazia verso i più poveri, perché il nostro alto consumo di carne non è estensibile a tutta la popolazione mondiale, non ci sarebbe abbastanza terra coltivabile. Molte terre del sud del mondo, invece di produrre cibo per i loro affamati, producono soia e manioca per il bestiame destinato al nord. Ma ci vogliono 7 calorie vegetali per produrre 1 sola caloria animale… risultato: il 35% di tutti i cereali raccolti nel mondo è utilizzato per l’allevamento.

Anche nel settore del pesce vale lo stesso discorso: i mari si stanno impoverendo a ritmi vertiginosi e i pescherecci industriali si spingono a depredare le risorse del sud del mondo, mettendo in crisi la pesca locale e artigianale. Se le tendenze attuali in fatto di alimentazione dovessero rimanere stabili, le emissioni rilasciate dal settore della produzione alimentare potrebbero aumentare dell’80%, mettendo gli obiettivi globali per la limitazione dei gas serra totali (Ghg) in grave pericolo. Non ci credete? Si calcola che ad una bistecca di carne di bovino di 250 g è associata l’emissione di quasi 3,4 kg di CO2, l’equivalente di un’automobile che percorre 16 km! L’impronta idrica di un hamburger è invece 2400 litri d’acqua. Un piatto di ceci invece, ha un basso impatto idrico ed ecologico, e apporta ben 19 gr di proteine per 100 gr, un terzo del fabbisogno proteico giornaliero di un adulto. L’American Dietetic Association ed i Dietitians of Canada affermano che le diete vegetariane correttamente bilanciate sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale, e comportano benefici per la salute.

Sono le diete iperproteiche e ipercaloriche, unite a sedentarietà, a creare grossi problemi alla salute. Ma ridurre il consumo di carne non basta: infatti la CO2 prodotta dalla filiera alimentare non è causata solo dagli allevamenti, ma anche dal trasporto delle derrate, dalla produzione e smaltimento degli imballaggi e dal riscaldamento delle serre. Alimenti vegan imballati, fuori stagione, di serra o esotici, hanno un impatto ecologico paragonabile alla carne. Non nascondo l’irritazione che mi sorge quando vedo consumatori pseudo-alternativi col Suv che vanno al supermercato bio per comprare cibo-pronto-surgelato-vegano-monoporzione-iperimballato, col contorno di frutta fuori stagione, spezie dell’altro capo del mondo e acqua “bio” in bottiglia di plastica. Ecco come a volte, purtroppo, il veganesimo/vegetarianesimo si riduce ad una vuota e insostenibile moda d’élite, utile solo al greenwashing delle multinazionali furbe!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Muos, il ‘principio di precauzione’ vale un po’ meno

next
Articolo Successivo

Rifiuti Napoli,”stanno scoppiando i mattoni”. Spazzatura mischiata a materiale edile, 14 arresti

next