Lei si chiama Ann Abel. Per Forbes scrive di enogastronomia. Stavolta ha scritto “Lettere d’amore ai ristoranti“. Per dare un segno di affetto in un momento di grande difficoltà e di chiusure dovute alla pandemia. Nella sua classifica di posti dove si mangia e si sta bene ci sono tre ristoranti italiani. Anzi, l’Italia primeggia, a parimerito con il Portogallo. Siamo ad Ascoli Piceno, ristorante Ramusè. È un tripudio di tartufo locale: lo cerca Paolo Ciccioli con i cani e lo serve in piatti prelibati. Ci spostiamo in Sicilia, a Buccheri. Qui c’è U Locale. Il ristorante prende vita in una costruzione in disuso, recuperata. Abel ha mangiato pasta al pomdoro e uovo al tartufo, eccellenti. Ancora, la prossima tappa è Norcia con Vespasia che ha una stella Michelin. Gli chef sono Fumiko Sakai e Fabio Cappiello e la cucina è un mix delle differenti culture.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Successivo

“La pizza? Quella che conosciamo oggi è nata in America. All’inizio era bianca, con olio e aglio”: i falsi miti della cucina italiana in un podcast

next