“Davvero hanno cambiato la Costituzione? Non ne so nulla!”. Il giorno dopo l’approvazione definitiva della riforma costituzionale, dialogando con i cittadini in strada, si ha la sensazione che il tema, pur così rilevante per la vita pubblica, non interessi quasi a nessuno. Pochi sono informati sui contenuti della riforma, pochissimi sanno che l’ultima parola spetterà al popolo italiano con il referendum previsto dall’art. 138 della Carta. Solo una minoranza degli intervistati mostra di avere un’opinione. I favorevoli ritengono che la modifica del bicameralismo paritario “renderà più veloce il meccanismo legislativo”. I contrari vedono ulteriormente “ridotta la facoltà di scelta dei cittadini”. Alcuni sono convinti che il Senato sia stato abolito. “Ma fino al referendum di ottobre ci sarà tempo per informarsi e farsi un’opinione”, dicono in tanti. In questo contesto il messaggio più chiaro sembra la scommessa di Matteo Renzi: “se perdo, lascio”. Sicché il referendum popolare rischia di trasformarsi in un plebiscito pro o contro di lui. E voi come la pensate? Sarà un giudizio sul governo la motivazione prevalente al referendum costituzionale? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crema, Formigoni maneggia monete d’oro nel murale sulla scuola incompiuta voluta da Comunione e Liberazione

prev
Articolo Successivo

Gianroberto Casaleggio, il rispetto tardivo per l’alieno

next