Considerato che i liberi e forti sono impegnati altrove… mi rivolgo a chi nella quotidianità porta il peso delle catene dell’indifferenza, a chi è soffocato dai soprusi del potere, a chi ha un filo di voce per poter gridare il suo dolore, vi esortiamo comunque a far la vostra parte. Per questo vi segnaliamo una petizione da Ada Murkovic in sostegno del Centro di Accoglienza Padre Nostro fondato dal Beato Giuseppe Puglisi. 

puglisi

Signora prefetta di Palermo, non diamogliela vinta!

La notte tra il 10 e l’11 febbraio i “soliti noti” hanno messo a segno l’ennesimo atto intimidatorio ai danni del Centro di Accoglienza Padre Nostro, sito nel quartiere del Brancaccio a Palermo, che continua l’opera del suo fondatore il beato padre Giuseppe Puglisi, ucciso dalla mafia il 15 settembre 1993.

Questa volta a farne le spese è stato il campo polivalente di via Salvatore Cappello, dal quale è stata rubata la rete di recinzione e sono stati divelti i pali che la sostenevano.

Dal 14 gennaio 2015 la Regione Siciliana attende una relazione della Prefettura di Palermo sulla natura degli atti intimidatori ripetutamente subiti dal Centro di Accoglienza Padre Nostro. Questa relazione permetterebbe al Centro di accedere ai fondi regionali per l’istallazione di un sistema di videosorveglianza.

Il 31 marzo 2015 e il 13 ottobre 2015 i responsabili del Centro hanno sollecitato la Prefettura senza ricevere alcuna risposta. Sino a quanto si dovrà attendere? Si vuole veramente che il Centro di Accoglienza Padre Nostro chiuda i battenti? È possibile che, ancora oggi, dopo 22 anni di intimidazioni da parte dei “soliti noti” subite dal Centro, le Forze dell’Ordine non abbiano compreso che quest’ultimo è un obiettivo sensibile da tutelare?

Chiediamo pertanto alla prefetta di Palermo, da poco insediata, di convocare, con la massima sollecitudine, un tavolo sulla sicurezza, affinché si prendano le idonee misure per tutelare un patrimonio della città di Palermo, quale il Centro di Accoglienza Padre Nostro e quanti vi lavorano.

Qui la petizione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, due uomini uccisi: tra loro anche parente del boss Stefano Bontate. “Agguato mafioso”

prev
Articolo Successivo

“Testimoni di giustizia, legge non applicata. Un anno dopo, nessuno assunto dalla pubblica amministrazione”

next