Questo filmato, girato con telecamere nascoste, mostra le terribili condizioni in cui versano gli animali (maiali, montoni e pecore) all’interno di un mattatoio con certificazione biologica presso il comune di Le Vigan nel dipartimento di Gard nella Francia meridionale. Il video pubblicato sul sito e canale Youtube degli attivisti dell’associazione animalista francese L214 è stato girato a più riprese nell’ultimo anno. Secondo Ecocert, ente di certificazione biologica francese, al momento della macellazione, la sofferenza degli animali dovrebbe essere ridotta al minimo. Tuttavia all’interno del mattatoio, come mostrano le immagini (pubblicate anche da The Huffington Post Francia e Vice), le pratiche adottate dai dipendenti si sono dimostrate di una violenza inaudita. Ad esempio: un tempo insufficiente per lo stordimento tramite pinza elettrica sugli animali prima della loro macellazione. La denuncia degli animalisti ha indotto il sindaco a chiudere il mattatoio in via precauzionale. La magistratura ha avviato le indagini e il ministro dell’Agricoltura francese, Stéphane Le Foll, ha condannato le “pratiche inaccettabili” ed ha “incaricato i prefetti per garantire la prevenzione di eventuali atti di abuso durante la macellazione”. Laurent Kauffmann, il direttore del mattatoio, ha riconosciuto le responsabilità affermando che è stata accertata una cattiva condotta professionale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pfas Veneto, il documento: “Emergenza non sotto controllo” su alimenti contaminati da cancerogeni

next
Articolo Successivo

Birre tedesche, allarme diserbante glifosato in Beck’s, Paulaner e altri marchi. I produttori: “Assurdo”

next