Lontani, lontanissimi i tempi in cui, nel 2002, gli Oscar per migliori attori furono assegnati Denzel Washington e Halle Berry. Era il 2002 e l’Academy sembrava aver infranto un tabù, aver spezzato un incantesimo malvagio. Quattordici anni dopo invece soffia un vento di ribellione, una volontà di boicottaggio. E alla presa di posizione del regista Spike Lee e del cantante e attore Will Smith l’Academy ha deciso di rispondere approvando una serie di riforme. Troppo forti e infamanti le accuse di giorni scorsi da parte di alcuni attori che lamentavano “nomination troppo bianche”.  Senza dimenticare che l’hashtag #OscarsSoWhite di Lee è diventato tra i più popolari di Twitter.

“Entro il 2020 raddoppieremo la presenza di donne e delle minoranze tra i nostri membri, e immediatamente diversificheremo la leadership aggiungendo tre nuovi posti nel board dei governatori” si legge in un comunicato diffuso dalla stessa Academy. La decisione è stata presa all’unanimità dal consiglio di amministrazione in una votazione che ha avuto luogo ieri sera. L’obiettivo, spiega l’organizzazione, è condurre una serie di “modifiche sostanziali” per portare il cambiamento nell’Academy. Non aspetteremo che sia il settore a reagire”, ha dichiarato il presidente dell’organizzazione, Cheryl Boone Isaacs che ha aggiunto: “Queste nuove misure avranno un impatto immediato e avvieranno il processo di un cambiamento significativo nella composizione dell’Academy”. Secondo i dati dal Los Angeles Times, nel 2012 il 93 percento dei membri dell’Accademia erano bianchi, il 76 percento erano uomini e l’età media era di 63 anni.Vedremo se il regista di Malcom X cambierà idea e presenzierà alla serata. Su 20 candidature per la recitazione nessuna è andata a un attore di colore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Awake’, il ritorno alla vita di Yogananda

prev
Articolo Successivo

Cinema Alcazar, anche l’economia ha le sue forme di censura

next