Awake è il titolo del documentario girato da due registe di Los Angeles – Paola di Florio e Lisa Leeman – che intende focalizzare grazie all’inserimento di interviste, di immagini metaforiche e di ricostruzioni sceniche il percorso della vita terrena dello Yogi Paramahansa Yogananda (morto nel 1952), con il risultato di una singolare biografia dello Swami indiano che negli anni venti ha fatto conoscere al mondo occidentale lo yoga e la meditazione.

Il sentiero della felicità_poster_bassa

Il film-documentario (di cui è allegata la locandina) – che verrà proiettato nelle sale italiane a partire dal 16 febbraio – ha richiesto tre anni di lavoro e la cooperazione partecipata di trenta paesi, con l’intento di esplorare la disciplina dello yoga, dalle sue caratteristiche più antiche,  orientali, a quelle più recenti, occidentali.

Vi si narrano gli episodi della vita, tratti da materiale d’archivio, e gli insegnamenti del Maestro, autore dell’Autobiografia di uno Yogi, un classico della letteratura spirituale che ancora oggi costituisce un riferimento essenziale per ricercatori spirituali, filosofi e cultori dello Yoga, e che ne ha permesso la sua conoscibilità in tutto il mondo.

Con un’impronta personale alla ricerca dell’illuminazione, anticipando l’esperienza dell’oltre già in questa vita e volgendo l’attenzione sulla vita interiore per raggiungere la realizzazione del Sé e condividere le battaglie interiori affrontate sul sentiero spirituale, Yogananda ha reso accessibili antichi insegnamenti, attraendo sostenitori e confortando i ricercatori spirituali di oggi.

E’ significativo che l’Autobiografia sia stato l’unico libro presente nell’iPad di Steve Jobs, il quale ne dispose la distribuzione di 800 copie alle personalità che avrebbero partecipato al suo funerale.

Il film va però oltre i confini di una tradizionale biografia e conduce nei luoghi, ora di pellegrinaggio, in cui Yogananda ha lasciato la sua presenza spirituale, dall’India alla Divinity School dell’Università di Harvard, dal Centro di Scienza e Spiritualità dell’Università della Pennsylvania al Chopra Center di Carlsbad, in California.

Il viaggio dell’anima che cerca di farsi strada tra le illusioni e i deterioramenti del mondo materiale è evocato nel film attraverso un’esperienza nel regno dell’invisibile, che induca la lotta universale di ogni creatura per liberarsi dalla sofferenza alla vera e durevole felicità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piccoli Brividi, dai libri al grande schermo un film avventuroso dal regista dei Viaggi di Gulliver

prev
Articolo Successivo

Oscar, l’Academy e le nomination bianche: “Raddoppieremo membri donne e minoranze”

next