Si chiude (si spera), con le dimissioni del sindaco Capuozzo, la vicenda Quarto: un’immensa arma di distrazione di massa, imbracciata dal Pd per non parlare di problemi ben più importanti (lo scontro con l’Europa, il crollo delle borse, le banche, i conflitti d’interesse, il malaffare in casa propria…). Complici il M5S (che ha reagito bene, ma a scoppio ritardato) e il sindaco (che avrebbe potuto dimettersi subito, quando il M5S glielo chiese, salvando così i “valori del movimento” in cui dice di credere).

Quarto, Flash mob del Movimento 5 Stelle

Ora che si è chiusa (si spera) possiamo mettere in fila alcuni punti fermi:

1. il più importante: l’amministrazione del M5S di Quarto ha resistito alle infiltrazioni camorristiche;

2. il M5S ha espulso il consigliere De Robbio prima che fosse indagato per tentata estorsione e voto di scambio, aggravati da finalità mafiosa;

3. il sindaco parlò col direttorio e chiese l’espulsione di De Robbio già a luglio, ma per ragioni politiche e non per camorra, di cui venne a sapere solo dopo il primo interrogatorio dei magistrati (dopodiché scattò l’espulsione);

4. la Capuozzo è stata espulsa dal M5S per non aver denunciato le minacce, ma lei ha detto anche alla Commissione Antimafia che non si sentiva minacciata (nonostante gli attacchi per l’abuso edilizio) e per questo non denunciò;

5. il M5S deve selezionare meglio i suoi rappresentanti, se la Capuozzo è stata candidata nonostante un abuso edilizio (e l’ex 5S Gambaro ora è passata con Verdini);

6. il M5S deve fare molta più attenzione degli altri partiti, perché nel nostro paese a chi grida “Onestà”, “Trasparenza”, “Coerenza” non si fanno sconti (come ormai sa bene);

7. la Capuozzo si è dimessa parlando di “Sconfitta della politica e vittoria della camorra”. Precisazione: sconfitta della politica e dell’informazione che hanno strumentalizzato questa vicenda, e vittoria della camorra che, se pure a Quarto non è riuscita ad infiltrarsi, vince e vincerà sempre se la politica e l’informazione, invece di preoccuparsi di lei, pensano solo ai propri interessi e offrono questo spettacolo…

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio stradale, governo battuto alla Camera su un emendamento di Forza Italia. Il testo torna al Senato

next
Articolo Successivo

Senato, commissioni: giustizia a D’Ascola (Ncd). Incontro Zanda-Verdini: a tre di Ala vicepresidenze in quota maggioranza

next