Due anni fa per La grande bellezza lo European Film Award era stato il viatico per gli Oscar. Chissà che non lo sia anche per Youth – La giovinezza, trionfatore come miglior film europeo, regia e attore protagonista allo splendido Michael Caine, vincitore anche del Honorary Award degli EFA. Paolo Sorrentino non può che augurarselo, dopo l’indifferenza ricevuta a Cannes dove al suo poema in cinema sulla senilità sono state preferite opere di gran lunga inferiori. D’altra parte era accaduto anche per La grande bellezza, dunque forse meglio così.

Il cineasta napoletano si porta quindi a casa l’Oscar europeo per ben due volte ad anni alterni, bissando in entrambi i casi anche il premio come miglior regista europeo. Le nomination con cui arrivava a Berlino erano ben 5 ma forse non così alte erano le speranze di vittoria. La gioia meritata e condivisa per Sorrentino fa da contraltare alla delusione per Nanni Moretti, giunto agli EFA con due candidature per Mia madre – regia e attrice a Margherita Buy – e rientrato a Roma con nulla di fatto.

Il premio per la miglior performance femminile è infatti andato alla magnifica Charlotte Rampling, intensa protagonista di 45 years: all’attrice inglese è stato attribuito anche l’EFA Lifetime Achievement per una carriera che non necessita certo di spiegazioni. A non farcela a guadagnare il suo European Film Award è stato anche il bel documentario di Ivan Gergolet Dancing With Maria: l’Academy guidata da Wim Wenders ha optato per assegnare il riconoscimento a Amy del britannico Asif Kapadia. Un discreto successo di palmares con due premi è andato anche al modesto Lobster del greco Yorgos Lanthimos, vincitore sia per la sceneggiatura che per i costumi. Da segnalare, infine, che la miglior commedia europea 2015 è lo svedese Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza di Roy Andersson che ricordiamo Leone d’oro a Venezia 2014 e che il film European Discovery – Prix Fipresci dell’anno è il solido franco-turco Mustang della giovane esordiente Deniz Gamze Ergüven. Al produttore e distributore italiano Andrea Occhipinti titolare della Lucky Red il premio European Co-production Award – Prix Eurimages.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Natale col Boss: un giorno sul set del nuovo cinepanettone con Lillo &Greg

prev
Articolo Successivo

Perfect Day: Bosnia 1995, Benicio del Toro e gli ‘idraulici della guerra’

next