Giornata di tensione nella Valle dei Templi di Agrigento. Ruspe e operai si sono presentati verso le nove per riprendere le demolizioni di costruzioni abusive nella zona archeologica, come prevede una sentenza definitiva. Era previsto l’abbattimento di una villetta situata nella zona a inedificabilità assoluta, ma dentro la casa, insieme alla famiglia proprietaria, si è barricato il legale della famiglia Giuseppe Arnone. Nel pomeriggio la tensione si è alzata ancora. Alla protesta si sono aggiunti parenti e amici delle famiglia e, alcuni di questi, hanno aggredito l’autista della ruspa pronto ad avviare la demolizione. Solo l’intervento di Polizia e Carabineri ha evitato che la situazione degenerasse. In via cauteletiva sul posto è arrivata un’ambulanza per prestare soccorso all’autista, a rischio di una crisi nervosa.

In mattinata, l’avvocato della famiglia, con un passato da ambientalista,  ha sostenuto che il provvedimento è illegittimo e si è opposto all’abbattimento: “Io ho la custodia dell’immobile e i funzionari del Comune stanno facendo una forzatura; ho avuto uno scontro fisico con gli agenti che stanno tenendo a distanza anche gli organi d’informazione, la mia è una resistenza passiva”. Arnone, inoltre, ha denunciato che i lavoratori della ditta che si è aggiudicata l’appalto per la demolizione sono sprovvisti di tutte le attrezzature previste dalla legge come caschi, scarpe e tesserini.

Prima che la tensione si alzasse, gli operai erano riusciti a sfondare il cancello e a rimuovere tutti gli arredi, portati in un casolare vicino alla villa. Ma al momento, la demolizione è stata sospesa, non solo per le proteste, ma anche per la presenza di amianto nello stabile. L’operazione era stata anticipata perchè alcuni edifici abusivi erano già stati rasi al suolo dai rispettivi proprietari. Ora si dovrà aspettare due giorni, il tempo necessario per rimovere le lastre d’amianto.

Il censimento degli immobili abusivi della zona è finito due anni fa e lo scorso giugno la Procura di Agrigento ha dato l’ultimatum al Comune per l’avvio delle demolizioni. Poi, lo scorso 24 agosto, sono iniziati i primi abbattimenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maionese, la querelle tra il business della multinazionale e la startup etica

prev
Articolo Successivo

Ilva, procura dissequestra Altoforno2 ma impone lavori per renderlo più sicuro

next