Fuori dal CARA di Caltanissetta alle 8.30 si accalca già una ressa di migranti. Cercano di presentare la richiesta di asilo o un letto per dormire, ma per molti di loro sarà un tentativo vano. Così, giorno dopo giorno, si sono attrezzati per vivere nella campagna vicina, trasformando un vecchio rudere in un rifugio che accoglie più di 10 persone contemporaneamente. “Sono venuto in Italia perché in Pakistan c’è la guerra, facevo l’insegnante e ai talebani non piace” – racconta uno di loro – “per arrivare in Italia ho pagato 6000 euro. Mi aspettavo rispetto”. Il servizio di Alice Martinelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Lerner: “Africa? Dopo 20 anni di inerzia ora la situazione è scoppiata”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Luttwak: “Un Paese ha diritto di scegliere di volere o no i clandestini”

next