Emma Bonino è stata il ministro degli Esteri dall’aprile 2013 al febbraio 2014. Il governo di cui faceva parte, guidato dal premier Enrico Letta, varò l’operazione Mare Nostrum all’indomani della “tragedia di Lampedusa”, dove persero la vita almeno 366 migranti. Poco più di un anno dopo, nel novembre 2014, la missione di salvataggio è finita in soffitta ed è stata sostituita dall’operazione Triton di Frontex. “Renzi ha sbagliato a cancellare Mare Nostrum e la motivazione è la più vergognosa: costava troppo”, attacca la storica leader radicale, che si spinge in un’analisi complessiva del sistema d’asilo italiano. “Va riformato, i CIE e i CARA sono carceri senza regolamento. L’Italia dovrebbe riformare il suo sistema di asilo. Aiutarli a casa loro? Magari, ma è troppo facile da dirsi. A noi non piaccioni i migranti poveracci ma i migranti ricchi, ci piacciono tutti. Cerchiamo di guardarci dentro”. L’intervista di Giulia Innocenzi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Bonafè a Lerner: “Il vero salvataggio è evitare che partano dalla Libia”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Paragone: “Triplichiamo soldi per Triton e chiediamo operazione polizia internazionale”

next