Imprenditori che non denunciano il racket, soldi sporchi ripuliti in attività apparentemente lecite, amministratori pubblici che dichiarano la propria impossibilità a governare per i condizionamenti della criminalità.

Benvenuti a Ostia, litorale capitolino, terra di mafia a meno di 30 chilometri da piazza Venezia. E qui che per la prima volta nella storia di Roma, a fine gennaio, due mesi dopo lo scoppio dello scandalo Mafia capitale, una sentenza di primo grado riconosce l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso per il capoclan Carmine Fasciani e per i suoi sodali. E’ sempre qui che meno di un mese fa si assiste alle dimissioni del “mini-sindaco” Andrea Tassone, ex presidente del X Municipio eletto con il Pd, perché “non ci sono le condizioni per andare avanti”.

Il litorale romano assomiglia in maniera preoccupante a Casal di Principe, dove i confini fra cosche, imprenditoria e politica si assottigliano fino a confondersi. Così non stupisce che un mese dopo l’operazione Tramonto della Guardia di Finanza, inchiesta che scoperchia come i boss ripulivano i loro soldi reinvestendoli nel business degli stabilimenti balneari, l’amministrazione rinnova con un decreto omnibus tutte le concessioni demaniali. Era il 24 marzo 2014 e a presiedere il municipio c’era proprio quel Tassone che oggi si dichiara impossibilitato ad andare avanti ad amministrare il territorio.

“La politica in questi anni si è seduta rinchiudendosi nel palazzo”, ammette il senatore Stefano Esposito, nominato commissario dei circoli Pd del Municipio X. E nel frattempo i clan hanno fatto affari d’oro inserendosi nei giri che contano. Come quello del porto turistico di Roma che a capo ha Mauro Balini. Il presidente dello scalo marittimo non è mai stato indagato, ma, grazie alle sue conversazioni telefoniche intercettate, gli investigatori hanno conferma “dell’esistenza di un ambiente economico-finanziario inquietante, all’interno del quale agivano appartenenti alla criminalità organizzata”. Lui al fattoquotidiano.it dichiara che “a Ostia e Roma è possibile lavorare senza sporcarsi le mani, anche se non si sa mai”. C’è da credergli, tant’è che ora politici e imprenditori aspettano con il cuore in gola una nuova ondata di arresti: sequel e punto di incontro fra le indagini sul clan Buzzi-Carminati e le inchieste sul mare di Roma  di Lorenzo Galeazzi e Luca Teolato, montaggio Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia a Roma, dopo le inchieste si sveglia anche la politica. E Renzi manda Gabrielli

next
Articolo Successivo

Umberto Mormile, un’altra vittima di mafia e dello Stato

next