Editoriale di Michele Santoro, che apre la nuova puntata di Servizio Pubblico sulle note de “Gli immortali” di Jovanotti. “Io questa sera mi vergogno un po’ di quello che non sono riuscito a fare” – esordisce – “Viviamo ormai incatenati a un computer che trabocca di rabbia. Viviamo in una piazza virtuale, pronti a seguire l’ultimo coglione che dice che è tutta colpa dei rom. E poi uno entra armato in un tribunale e fa una strage. Io sono un laico e penso che i luoghi dove si amministra la legge, le università sono sacri. L’assassino di Milano non sembra un folle, tanto crudele è la sua determinazione nell’ammazzare, ma vedo in lui una specie di avversione per la legge”. E aggiunge: “Perché non ci incazziamo con quelli che sfruttano gli immigrati, che li fanno lavorare per pochi euro al giorno? Nella sentenza della corte europea sul reato di tortura c’è scritto che la polizia italiana è omertosa, e questo è un problema politico. Volevamo costruire una società normale, fondata sul principio di responsabilità, soprattutto dove chi sbagli paga e invece viviamo in giorni impazziti. Le persone come me” – continua – “quando vedono leader che si esprimono nei confronti dei rom con espressioni che calpestano la nostra Costituzione si indigna con i politici che non intervengono. Noi i mostri li sappiamo vedere quando vengono da lontano ma non li riconosciamo quando vivono in mezzo a noi”. E sottolinea: “Esistono candidature di persone che non rappresentano i cittadini, portaborse, allora in questa situazione la politica diventa appannaggio dei soliti gasati. In questi giorni impazziti dobbiamo stare attenti, perché in questi giorni impazziti si fa la storia e noi, pochi o molti, dove siamo?”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Claudio Giardiello, il video-racconto della sparatoria al Tribunale di Milano

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Di Pietro: “Strage Milano? Il problema vero è la falla nel sistema di sicurezza del tribunale”

next