Il boss del Gargano, Angelo Notarangelo, 38 anni, ritenuto a capo di una nota organizzazione malavitosa è stato ucciso questa mattina in località Gattarella (Foggia), mentre percorreva la statale che porta a Vieste. L’uomo, pluripregiudicato e sorvegliato speciale, era a bordo di un fuoristrada grigio. Sull’agguato indagano i carabinieri del Reparto operativo del Comando provinciale di Foggia. Secondo i primi rilievi potrebbero essere stati quattro i sicari. Sul luogo del delitto infatti gli inquirenti hanno recuperato bossoli di una pistola calibro 9×21, di una calibro 3,80, di un fucile calibro 12 e uno di un AK47 Kalashnikov cal.7,62. Le indagini sono coordinate dai pm di Foggia Rossella Pesa e della Direzione distrettuale antimafia di Bari Giuseppe Gatti

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anno giudiziario: mafia al Nord. Qualcuno ha chiesto scusa a Saviano?

prev
Articolo Successivo

Caserta, via le mani dei clan dalla pelle ‘avvelenata’ dei cittadini della Terra dei fuochi

next