Il sociologo e filosofo tedesco Ulrich Beck, uno dei teorici della globalizzazione e della società del rischio, è morto all’età di 70 anni. L’annuncio della scomparsa, avvenuta per Capodanno, è stato dato dal quotidiano bavarese Sueddeutsche Zeitung. Considerato uno dei maggiori protagonisti delle scienze sociali contemporanee, Beck ha ripensato in profondità la natura del modello sociale, economico e politico che ha caratterizzato la nostra modernità dal Settecento fino ai nostri giorni. Ma soprattutto ha analizzato le trasformazioni di questo modello, sotto la spinta di cinque sfide congiunte: la globalizzazione, l’individualizzazione, la disoccupazione, la rivoluzione dei generi e i rischi globali della crisi ecologica e della turbolenza dei mercati finanziari.

La società del rischio, pubblicato nel 1986 e più volte aggiornato, è sicuramente il suo testo più importante, nonché pietra miliare delle scienze sociali per comprendere come gli attuali problemi economici, politici e sociali, dal terrorismo ai rischi ambientali, passando per la questione dell’integrazione razziale e le crisi economiche, siano le naturali conseguenze dei processi di modernizzazione. Nel corso degli anni, Beck si è occupato anche dei problemi economico-sociali dell’Unione Europea e ha introdotto nuovi concetti nella sociologia, quali l’idea di una seconda modernità, un nuovo mondo in cui viene a mancare la stabilità che ha caratterizzato gli anni dell’industrializzazione.

Professore di sociologia presso l’Università di Monaco di Baviera e la London School of Economics, Ulrich Beck era nato a Stolp, all’epoca in Polonia. Oltre al suo libro più noto, ha prodotto una cospicua pubblicazione, tra cui figurano Che cos’è la globalizzazione. Rischi e prospettive della società planetaria (1999) , Libertà o capitalismo. Varcare la soglia della modernità (2001), L’Europa cosmopolita. Società e politica nella seconda modernità (2006).

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Norman Atlantic, la nipote di un disperso: “Dormiva nel garage, ne sono certa”

next
Articolo Successivo

Mafia capitale, attentato all’ufficio politico Pd di Coratti

next