Un migliaio di persone ha sfilato a Roma da piazza dell’Esquilino a piazza Santi Apostoli nel corteo organizzato dai comitati di quartiere contro l’amministrazione di Ignazio Marino. Presente e applaudita dal resto dei partecipanti, una delegazione di Tor Sapienza, il quartiere che ospita il centro di accoglienza per immigrati al centro delle tensioni di questi giorni, dove ieri il primo cittadino è stato fischiato. Durante il corteo, i manifestanti hanno intonato l’Inno di Mameli, ‘Roma Capoccia‘ di Antonello Venditti e canzoni popolari. Qualcuno esibisce il saluto romano. Alla Marcia delle periferie hanno preso parte numerosi esponenti di centrodestra, dal vicepresidente dell’Assemblea capitolina Giordano Tredicine (Pdl) a Davide Bordoni di FI. Non ultimo, l’ex sindaco Gianni Alemanni: “Problemi vecchi, questi. Ma con il buonismo e l’ideologia di Marino sono andati fuori controllo”. Dal palco allestito in Santi Apostoli, le accuse al sindaco e la promessa di continuare al protesta: “Non ci fermiamo qui. Il prossimo appuntamento e’ per il 21 novembre al Palazzo della Civiltà del Lavoro per un corteo che attraverserà l’Eur contro la prostituzione e l’illegalità. O interviene il Governo o blocchiamo le città”. E ancora: “Siamo pronti alla lotta fiscale, non paghiamo piu’ una tassa” di Mauro Episcopo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Renzi è solo al comando. Le tre minoranze sono sempre più divise

prev
Articolo Successivo

Un nuovo partito di sinistra: c’è spazio? Vox e sondaggio

next