Ogni mese raduna i suoi fedeli e legge i nomi di tutti i morti di cancro della città, compresi di età e tipo di patologia (LEGGI). Un rituale che ha fatto di Augusta la Spoon River della Sicilia. Al centro del triangolo della morte tra Priolo e Melilli, dove tra centrali elettriche e impianti di raffinazione si contano 18 stabilimenti, si muore soprattutto per un motivo: carcinoma ai polmoni, ai reni, al colon. Chiunque, nella città in provincia di Siracusa, ha perso qualcuno a causa di un tumore. Ed è per questo che padre Palmiro Prisutto ha ha iniziato a raccogliere nomi e cognomi, creando un vero e proprio registro parallelo dei tumori. “È un genocidio. – dice sacerdote – Il registro ufficiale dell’Asp? È un oggetto misterioso, nessuno riesce ad averlo: sappiamo solo che è aggiornato al 2006”. I dati raccolti dal sacerdote sono stati acquisiti dalla procura di Siracusa che ha aperto un fascicolo sulla questione. “Ad Augusta la patologia più diffusa è il tumore al polmone – racconta il sacerdote. Anche per le donne: quindi o tutte le donne qui fumano oppure il problema è l’aria”. “Si avvertono queste odori molesti di derivazione industriale ma da un punto di vista legislativo è come se tutte queste derivassero solo dal traffico urbano”, spiega Mara Nicotra, ricercatrice in Ecologia e Biologia marina. “I bambini? Meglio tenerli a casa”, dice invece una donna che ha perso il figlio di appena 14 anni. Non tutti però parlano volentieri del problema. “Hanno paura che dal Petrolchimico licenzino i parenti che ci lavorano: è questa la loro arma vincente”, dice padre Prisutto, che poi lancia un appello al capo dello Stato: “Presidente Napolitano di fronte a questo elenco cosa ci dice? Stiamo perdendo tempo oppure stiamo denunciando un problema che qualcuno deliberatamente tiene nascosto?”  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Terra dei Fuochi è come un quadro di Caravaggio (parte II)

next
Articolo Successivo

Augusta, “Il petrolchimico ha causato 500 morti”. E il prete scrive a Napolitano

next