Silvio Oddi, coreografo e ballerino, è morto questa mattina per un malore improvviso. Probabilmente si è trattato di un infarto. L’artista, 43 anni, aveva lavorato nei maggiori show televisivi italiani, da Fantastico ad Amici. La notizia della sua scomparsa improvvisa è rimbalzata subito sui social network, con messaggi di cordoglio di colleghi e amici: da Kledi Kadiu (“Un abbraccio per sempre Silvio, riposi in pace”, ha twittato il ballerino albanese) a Laura Pausini (“Riposa in Pace Silvio Oddi, ti ricordo con affetto”, è il messaggio postato sui social dalla cantante).

Oddi avrebbe compiuto 44 anni a settembre (era nato il 9 settembre del 1970) e ultimamente i telespettatori lo avevano visto spesso come giudice esterno ad Amici. Appassionato sin da bambino di danza e recitazione, Silvio aveva studiato allo Ials di Roma, spaziando dalla classica alla moderna, a quella jazz. A soli 17 anni viene reclutato nella trasmissione televisiva di punta dell’epoca Fantastico, dove conosce Lorella Cuccarini che successivamente lo vorrà a fianco per due edizioni di Buona Domenica. Alla grande popolarità segue un momento di pausa in cui Oddi si trasferisce a Montecarlo, si sposa, ha 2 bambini e apre una scuola di danza, che lascerà poi all’ex moglie al momento del divorzio. Negli stessi anni vive anche un parentesi londinese in cui si avvicina alla physical dance. Una volta rientrato in Italia fonda la compagnia “Silvio Oddi” e si riavvicina alla tv.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La rivolta di Pra’, cittadini a Napolitano: “Noi cancellati dalla topografia”

next
Articolo Successivo

Treni, la ‘Transiberiana d’Italia’ chiusa: nessuna speranza di futuro

next