In migliaia a Bologna hanno partecipato al Gay Pride. La telecamera de ilfattoquotidiano.it è andata a chiedere ai partecipanti un parere sulle posizioni del Pontefice argentino, Papa Francesco, che nei mesi scorsi aveva detto sugli omosessuali: “Chi sono io per giudicare?”. In tanti sono poco convinti: “Non credo che in Italia questo Papa riuscirà a fare molto”, spiega una donna appartenente all’Agedo, l’associazione dei genitori delle persone omosessuali. “Solo una mossa mediatica“, spiega un’altra ragazza. “Ci tratta come tratta i malati”, spiegano due ventenni. “Penso che un tentativo di apertura da parte di questo Papa ci sia stato”, spiega una giovane con a fianco la sua fidanzata. “Io vengo da una famiglia cattolica e sono stata aiutata moltissimo, i miei hanno applicato la parola di Dio, standomi vicina. Ma lo ammetto, sono fortunata”  di David Marceddu

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, corteo vs austerità europea: “Renzi una pedina per stritolare le famiglie”

prev
Articolo Successivo

Libia, uccisa la voce dei diritti delle donne

next