Madre e figlio hanno tentato di uccidere la zia ultranoventenne avvelenandola con del topicida. L’anziana era ricoverata presso una struttura ospedaliera a Pinerolo, in provincia di Torino, e durante una visita i parenti le hanno somministrato una mousse alla frutta nella quale avevano precedentemente iniettato i veleno. I due, 39 e 62 anni, hanno poi confessato di aver tentato di uccidere l’anziana tre volte. La prima volta le avevano dato il veleno con dell’acqua e la seconda con il caffè. Dopo gli accertamenti medici, seguiti a primi due tentati omicidi, la polizia ha installato delle telecamere nascoste nella stanza dell’anziana. La madre era stata nominata tutrice del patrimonio dell’anziana, incarico poi revocatole dal tribunale che l’aveva condannata anche a 6 mesi per appropriazione indebita. Immagini Polizia di Stato  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Erri De Luca rinviato a giudizio per istigazione a delinquere

next
Articolo Successivo

Cosa chiede la Sardegna alla Conferenza nazionale sulle servitù militari – Intervista all’assessore Erriu

next