Possono cucinare. Ma non per i propri figli. E’ questa una delle mancanze più grandi per le donne in carcere. Lo racconta una delle detenute di San Vittore, a Milano. E così alla perdita della libertà si aggiunge la perdita della quotidianità. Con un paradosso: le donne delinquono di meno, vanno in carcere più raramente (solo il 4,2% dei detenuti è donna), ma devono così adattarsi a una carcerazione pensata per gli uomini. E spesso – racconta il garante dei detenuti della provincia di Milano Fabrizia Berneschi – devono fare i conti con l’abbandono da parte della famiglia e con il distacco dai figli. Dopo la sentenza Torreggiani della Corte europea dei diritti dell’uomo che ha condannato l’Italia per il sovraffollamento nei penitenziari, le condizioni di vita a San Vittore sono migliorate: le donne recluse oggi sono circa ottanta, hanno la possibilità di frequentare corsi e le loro celle restano aperte per diverse ore al giorno. Ma un detenuto comune ha diritto a sei ore di colloquio al mese e dieci minuti di telefonate a casa alla settimana, troppo poco perché le detenute possano far sentire la loro presenza ai famigliari o perché possano cucinare per i propri figli durante la visita per il colloquio. La detenzione può diventare però uno spazio per riflettere sulla propria vita e scoprire passioni come la scrittura: è quello che cerca di fare il gruppo di donne coordinate da Renata Discacciati che hanno dato vita alla rivista ‘Oltre gli occhi’  di Luigi Franco e Maria Itri

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Roma sfila il Gay pride: “Renzi metti la faccia sui diritti Lgbtq”

next
Articolo Successivo

Roma Pride 2014, corteo per i diritti gay. E Forza Nuova organizza la sua “marcia”

next