“L’omicidio di Carlo Alberto Dalla Chiesa? Lo hanno fatto i signori Craxi e Andreotti che si sentivano il fiato addosso”. Ne è sicuro Francesco Onorato, per anni killer di fiducia di Totò Riina e oggi collaboratore di giustizia. ““Perché Riina accusa sempre lo Stato? Perché è l’unico che sta pagando il conto, mentre lo Stato non sta pagando niente, per questo motivo Riina tira in ballo sempre lo Stato. Ha ragione ad accusare lo Stato, da Violante ad altri” ha detto Onorato, che ha deposto come testimone durante il processo sulla Trattativa Stato – mafia in corso a Palermo all’aula bunker del carcere Ucciardone.  “È lo Stato che manovra – ha spiegato l’ex uomo d’onore – prima ci hanno fatto ammazzare Dalla Chiesa i signori Craxi e Andreotti che si sentivano il fiato addosso. Perché Dalla Chiesa non dava fastidio a Cosa Nostra, poi  nel momento in cui l’opinione pubblica è scesa in piazza i politici si sono andati a nascondere. Per questo Riina ha ragione ad accusare lo Stato”  di Silvia Bellotti e Giuseppe Pipitone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

India: caso Montis, la forza di una madre contro il silenzio

next
Articolo Successivo

Rcs, procura Milano indaga su ammanchi Rcs Sport e affaire Recoletos

next