Congelare l’adesione del Kazakistan a Expo 2015 finché Alma Shalabayeva e la sua bimba non potranno tornare in Italia. E’ questo il senso di un’interrogazione depositata a Palazzo Marino dal presidente del consiglio comunale di Milano, Basilio Rizzo, per una vicenda che anche Giorgio Napolitano ha definito “di inaudita gravità”. Una richiesta su cui è arrivato il commento del Commissario unico per l’esposizione universale Giuseppe Sala: “Su questo tema è responsabile solo il ministero degli Esteri. L’adesione – continua – è un fatto formale di
 accordo tra il ministero e il Paese che aderisce, attraverso la 
società Expo. Non è un tema che può riguardare il Comune di
 Milano e nemmeno l’amministratore delegato di Expo”. Una risposta che non convince Rizzo: “Finché questa vicenda non si chiarisce, i rapporti tra l’Expo e il Kazakistan non possono andare avanti”  di Luigi Franco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd, Pittella: “Subito data del congresso o occupiamo la sede del partito”

next
Articolo Successivo

Decreto del fare, sì al wi-fi libero: “Accesso pubblico senza identificazione”

next