“La politica non può lasciarci soli”: è la richiesta d’aiuto che arriva dai dipendenti dell’ospedale S.Raffaele di Milano. Questa mattina, in corteo sono arrivati negli spazi dell’accettazione, occupandola. Anche i colleghi che erano lì a lavorare, hanno abbandonato le postazioni dove i pazienti pagano i ticket. “E’ inaccettabile che si continui a lasciare strutture sanitarie in mano a chi vuole trasformare la sanità da bene comune in profitto. Il San Raffaele deve diventare pubblico, è questa la dichiarazione” dice Riccardo Germani dell’Unione Sindacale di Base. Ci sono stati momenti di tensione con le forze dell’Ordine, poi nel pomeriggio l’assemblea è stata sciolta. Si ricomincerà lunedì mattina di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malpensa, tensione per il corteo dei sindacati “No alla privatizzazione di Sea”

next
Articolo Successivo

Crisi, l’allarme Istat: “quasi un milione di famiglie senza reddito da lavoro”

next