Dopo l’annuncio di 17mila esuberi a livello mondiale, la multinazionale finlandese-tedesca ha avviato le procedure di licenziamento in Italia: secondo i sindacati i tagli riguarderanno il 53% dei dipendenti dell’azienda. Per questo i lavoratori hanno percorso le strade di Milano, da piazza San Babila a via Pantano, fino alla sede di Assolombarda, luogo dell’incontro con i vertici aziendali. Tanti gli striscioni presenti: “Se usi lo smartphone è anche grazie a noi”, “580 licenziati : tanto di cappello” e “Nokia Siemens uccide la ricerca in Italia”. “Ci aspettiamo che Nokia Siemens cambi l’atteggiamento tenuto finora, di totale chiusura nei confronti dei lavoratori – spiega Marcello Scipioni, segretario Fiom-Cgil Milano – Tutto il settore delle telecomunicazioni è in uno stato critico, ma ci sono aziende che si stanno comportando in modo differente”. La Nsn, nata nel 2006 dalla fusione di Nokia Siemens, è caratterizzata dai tagli del personale: nei prossimi mesi possibili 580 licenziamenti (su 1.100 dipendenti totali), oltre alla chiusura della sede siciliana di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wall Street Journal: “La Fiat usa la crisi europea per riorganizzarsi”

prev
Articolo Successivo

Ocse: disoccupazione in Italia salirà al 9,9% nel 2013. “Giovani prime vittime della crisi”

next