Auto pirata con una donna ubriaca al volante travolge la processione del venerdì santo e provoca due morti. E’ accaduto ieri sera a Vernante (Cuneo), dove, appunto, un’auto è piombata contro una Via Crucis che si stava svolgendo nel paese. Nella notte è morta nell’ospedale di Cuneo Margherita Viale, 84 anni, di Cuneo. E’ la seconda vittima della tragedia, dopo Giovanni Barberis, 75 anni, deceduto ieri sera. Stamani è emerso che la conduttrice dell’auto assassina, Patrizia Rinaldo, 55 anni, di Cervasca (Cuneo), è stata trovata con un tasso alcolico di 1,6 quando il limite è di 0,50. Attualmente la donna si trova nel carcere delle vallette di Torino: è accusata di omicidio colposo e omissione di soccorso. Migliorano le condizioni degli altri feriti gravi dell’incidente: sarebbero tutti fuori pericolo di vita.

In un primo momento ai carabinieri che l’hanno bloccata, in stato di choc, sei chilometri più a valle, a Robilante, l’automobilista aveva detto di non essere riuscita a frenare perché la macchina si era inchiodata per un guasto.

L’incidente è avvenuto mentre la processione stava attraversando la statale 20, la direttissima che da Cuneo porta in Francia, per passare da una chiesa del paese ad un altra. Vernante, un paese di bassa montagna di circa 800 abitanti, noto come il paese dei Murales di Pinocchio per la presenza sui suoi muri di diversi e famosi disegni ispirati al personaggio di Collodi, è infatti divisa a metà dalla statale del Colle di Tenda. Oggi, in vista del weekend pasquale c’era un notevole traffico. Al momento dell’incidente, la processione, alla quale avevano partecipato circa 200 persone, era partita da poco. L’auto assassina è infatti piombata sul secondo gruppo dei partecipanti, il primo composto dal sacerdote e da una decina di bambini chierichetti era appena passato.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Idi e San Carlo di Nancy, walzer delle poltrone in attesa di un compratore

next
Articolo Successivo

Ho visto Nunzia volare

next