D’accordo, era da poco arrivato l’annuncio che la piccola Imma, dieci anni, era stata trovata viva sotto le macerie del palazzo crollato ad Afragola. Ma guardando questo collegamento dal luogo della tragedia, andato in onda nell’edizione delle 13:30 del Tg1,  credo che molti telespettatori siano rimasti turbati dalle risate, i saluti e le facce divertite in cui si è prodotta la folla che si accalcava dietro le spalle dell’inviato Rai.

Ad Afragola la scorsa notte sono morte tre persone: Pasquale Zanfardino, di 33 anni, la moglie Enrica Tromba di 29, e Anna Cuccurullo, di 75 anni, nonna della piccola Imma. Tutti e tre sono stati uccisi da un crollo che probabilmente si sarebbe potuto evitare.

Il circo mediatico, ancora di più in una città di provincia, è normale che attiri attenzione.  Ma in un’occasione come questa, non si capisce davvero cosa ci sia da ridere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corona fermato per guida senza patente

next
Articolo Successivo

L’Aquila 15 mesi dopo nient’altro che macerie

next