Dal 16 giugno 2009 ho dedicato il mio lavoro e la mia vita, in maniera quasi continuativa, alla questione della gestione emergenziale all’Aquila, dopo il terremoto del 6 aprile 2009. Ne sono scaturiti due documentari (“Yes We Camp”, ultimato il 25 ottobre 2009, e “Comando e Controllo”, uscito in anteprima a New York il 6 aprile 2010) e un libro (“Protezione civile SpA”): è una specie di trilogia – se mi si passa il termine – che considero assolutamente necessaria per una comprensione, almeno parziale, di quanto è successo e di quanto è stato fatto nell’aquilano dopo il sisma.

Non sono lavori di controinformazione. Non ho mai fatto informazione “contro” qualcosa, ma al servizio dei fatti. L’emergenza, all’Aquila come altrove in Italia e nel mondo, diventa una splendida opportunità di profitto e di controllo sociale e politico. E in questa applicazione all’Italiana della shock economy ci sono anche emergenze inventate, grandi eventi, cantieri: lo stato di eccezione, lo stato d’emergenza diventa il modo più comodo per gestire il potere. Se poi gli si accompagna il controllo (diretto o indiretto) dell’informazione, il quadro diventa completo.

Per me L’Aquila è diventata paradigma della situazione italiana: uno stato in emergenza democratica, in emergenza-informazione. Uno stato in cui raccontare i fatti, correlarli, avere opinioni, esporle, è diventato fondamentale.

Ecco perché entro a far parte, con piacere, della squadra di blogger che collaborano al nuovo sito de Il Fatto Quotidiano. Per parlare ancora dell’Aquila e di altre questioni che riguardano uno stato in emergenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Martedì 22 giugno il Fatto scioglie gli ormeggi

prev
Articolo Successivo

Il Papa “scarica” Sepe
che si consola con Cosentino

next