Dal 16 giugno 2009 ho dedicato il mio lavoro e la mia vita, in maniera quasi continuativa, alla questione della gestione emergenziale all’Aquila, dopo il terremoto del 6 aprile 2009. Ne sono scaturiti due documentari (“Yes We Camp”, ultimato il 25 ottobre 2009, e “Comando e Controllo”, uscito in anteprima a New York il 6 aprile 2010) e un libro (“Protezione civile SpA”): è una specie di trilogia – se mi si passa il termine – che considero assolutamente necessaria per una comprensione, almeno parziale, di quanto è successo e di quanto è stato fatto nell’aquilano dopo il sisma.

Non sono lavori di controinformazione. Non ho mai fatto informazione “contro” qualcosa, ma al servizio dei fatti. L’emergenza, all’Aquila come altrove in Italia e nel mondo, diventa una splendida opportunità di profitto e di controllo sociale e politico. E in questa applicazione all’Italiana della shock economy ci sono anche emergenze inventate, grandi eventi, cantieri: lo stato di eccezione, lo stato d’emergenza diventa il modo più comodo per gestire il potere. Se poi gli si accompagna il controllo (diretto o indiretto) dell’informazione, il quadro diventa completo.

Per me L’Aquila è diventata paradigma della situazione italiana: uno stato in emergenza democratica, in emergenza-informazione. Uno stato in cui raccontare i fatti, correlarli, avere opinioni, esporle, è diventato fondamentale.

Ecco perché entro a far parte, con piacere, della squadra di blogger che collaborano al nuovo sito de Il Fatto Quotidiano. Per parlare ancora dell’Aquila e di altre questioni che riguardano uno stato in emergenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Martedì 22 giugno il Fatto scioglie gli ormeggi

next
Articolo Successivo

Il Papa “scarica” Sepe
che si consola con Cosentino

next