Dati e tolti

Illusione 80 euro: in due milioni li hanno restituiti

Il bonus elettorale voluto da Renzi, preso da 11,9 milioni di italiani. Poi la beffa

di Luciano Cerasa

Devitaliziamoli di

Essendo, come diceva Leo Longanesi, dei buoni a nulla capaci di tutto, i nostri politici stanno spendendo un capitale per acquistare la corda a cui qualcuno li impiccherà. La nostra proposta di riforma dei vitalizi, o come diavolo si chiamano adesso, serve più a loro che a noi. Il risparmio non sarebbe stratosferico e non […]

Differenze

Patto per Milano, 18 milioni invece dei miliardi di Renzi

Numeri – Prima del 4 dicembre l’ex premier sparava cifre grandiose sugli investimenti per la città, il suo successore ieri ha visto Sala e promesso (per ora) solo pochi spiccioli

La decisione

La legge non c’è, il giudice sì: i bimbi hanno due papà

L’ordinanza – La Corte d’appello di Trento riconosce a una coppia gay la paternità di due gemelli nati con l’utero in affitto (vietato in Italia)

Soldi e Rai, la Maggioni s’è scordata i senza-tetto

Non disturberemo Antonio Campo Dall’Orto mentre con lo sguardo perennemente ispirato parla direttamente con Dio, per cui ci rivolgiamo alla presidente Monica Maggioni che qualcosa di chi lavora in Rai (e per la Rai) dovrebbe pur sapere. Per esempio, che tutto questo dibattere sul tetto ai compensi delle star, tutto questo suo discettare sul “coraggio […]

Commenti

Piovono pietre

Tu vuò fa’ l’americano: è solo Starbucks, sembra un nuovo Rinascimento

Ma sì, ma sì. Anch’io ho camminato per qualche città americana con un bicchierone di caffè in mano, mi piace, non nutro alcuna preclusione né ideologica né culturale nei confronti dell’ingurgitare caffeina a litri con il naso all’insù verso la cima dell’Empire State Building. E però confesso di provare un certo fastidio nella prosopopea e […]

Indovina chi va in Svizzera a difendere un morente

Caro Furio Colombo, tante parole ma nessuno ha aiutato Dj Fabo che vuole morire. Tranne Marco Cappato. Mario   Vero. Il nome è noto fra i radicali sempre presenti e sempre attivi nella lotta per i diritti civili. Sappiamo che, per ragioni che in tanti ignorano, i radicali, dopo Pannella, si sono divisi. Sappiamo […]

Rimasugli

Da “Fate Presto” a “Vendete Tutto”. Il Sole 24 Ore ama l’imperativo

Certo, il “FATE PRESTO” con cui Il Sole 24 Ore invocò l’arrivo di Mario Monti al governo nel 2011 è inarrivabile, però il gusto per l’imperativo al direttore del giornale di Confindustria è rimasto. Domenica, infatti, Roberto Napoletano ha prodotto una ponderosa articolessa di genere, diremmo, ingiuntivo, come il relativo decreto. Dice: questi del Pd […]

Politica

Lo sberleffo

Anna, la toga e ciò che farà da grande

Ieri mattina Anna Finocchiaro – ministro dei Rapporti col Parlamento – era ospite di Repubblica.it. Occasione perfetta per chiarire la sua posizione di fronte al “caso Emiliano”. Ricapitolando: il governatore della Puglia dovrà rispondere davanti alla Sezione disciplinare del Csm del fatto di essere, contemporaneamente, magistrato fuori ruolo e iscritto al Pd, dato che un […]

di Fq
L’interrogazione di possibile

Mps, pm intima di rivelare la fonte: il ministro chiarisca

Il processo è quello che riguarda la presunta divulgazione di materiale sul Monte dei Paschi di Siena. E che ora finisce in una interrogazione parlamentare indirizzata al ministro della Giustizia, firmata dai deputati di Possibile Pippo Civati e Andrea Maestri: “Durante la terza udienza del processo a carico della vedova di David Rossi, Antonella Tognazzi, […]

Il nome

Gli scissionisti si fanno i gruppi: 37 alla Camera, 14 in Senato

Articolo 1 – Democratici e progressisti

Cronaca

Parola di Siino – Il pentito e i grandi affari

“Così Riina mi nominò suo ministro delle tangenti”

È appena uscito in libreria “Mafia. Vita di un uomo di mondo” (Ponte alle Grazie). È l’autobiografia del più famoso pentito di mafia, Angelo Siino, scritta insieme al suo avvocato, Alfredo Galasso. In queste pagine, Siino racconta come divenne il “ministro dei lavori pubblici di Cosa Nostra”. Le cose andavano a questo modo. I “politici”, […]

di Angelo Siino
La polemica

Le due rom in gabbia: l’odio virtuale genera mostri reali

Il caso Follonica – Uno dei dipendenti Lidl che ha ripreso le donne rinchiuse è membro di un branco nato nei gruppi chiusi di Facebook

di Selvaggia Lucarelli
L’inchiesta di Perugia

Sequestro Shalabayeva. Chiesto il processo per i superpoliziotti

Quello di Alma Shalabayeva e Alua Ablyazova, la moglie e la figlia del dissidente kazako Muktar Ablyazov espulse dall’Italia il 31 maggio del 2013, messe su un aereo e rispedite in Kazakistan, fu un rapimento realizzato con falsi, abusi e omissioni compiuti da funzionari pubblici italiani e diplomatici kazaki. La Procura di Perugia ha chiesto […]

Italia

La Cartolina

E ora butteranno il tema nel cesso

La prima cosa che ho pensato leggendo dello sventurato che è andato a morire in Svizzera è stata questa: a che serve il Parlamento? Come si fa a chiudere la riflessione sulla morte in mezz’ora e poi buttare nel cesso l’argomento? Proust diceva che i vivi sono dei morti non ancora entrati in funzione. Magari […]

di Franco Arminio
Come stanno le cose

Se ne occupa soltanto l’articolo 32 della carta

Si comincia con la sedazione del paziente, poi vengono staccati i macchinari che lo tengono in vita e si aspetta che smetta di respirare. Tecnicamente, quella che può essere effettuata negli ospedali in Italia non è una eutanasia vera e propria. I medici, infatti, non somministrano in nessun caso – la legge oggi non lo […]

“Bianco e nero”

Da Telese su La7 va in scena lo scontro con Maria Coscioni

Polemica a Bianco e nero su La7 tra il radicale Marco Cappato e la fondatrice dell’Istituto Luca Coscioni, Maria Antonietta Farina Coscioni (in foto). Il dibattito verte sul suicidio assistito di Dj Fabo, caso sul quale la vedova Coscioni evidenzia la differenza con la vicenda di Piergiorgio Welby: “Dj Fabo ha scelto di essere assistito […]

Mondo

Turchia

Chi disturba il manovratore viene silurato

Altro che bavaglio – Erdogan fa licenziare il direttore di Hurriyet per un articolo non gradito

di Marco Barbonaglia
Stati Uniti

Tutti i nemici di The Donald: ritorna Barack, l’uomo nero

Nella giornata del debutto davanti a Camera e Senato, il tycoon indica l’ex presidente e i suoi fedelissimi come i sobillatori contro la sua Amministrazione

Omicidio Caceres, i suoi sicari addestrati dall’amico americano

Honduras – La fine della paladina ambientalista

Cultura

Milano

Renato Mambor: consumare fino a perdere l’umanità

Alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese dal 9 febbraio la retrospettiva del pittore che indaga sulle “Connessioni invisibili” in grado di salvarci tutti dai malefici della modernità

di Angelo Molica Franco
Il fumetto

Quando il Giappone trovò la sua identità grazie al Gekiga, il fumetto diventato adulto

Angosce e speranze nei racconti di Yoshiro Tatsumi

Anniversario – A cento anni dalla nascita

Mancini, il “padre politico” del vaccino antipolio

Giacomo Mancini fu un meridionalista nel senso democratico, politico nazionale e non localistico. Fu cioè uno di quei meridionali che avevano compreso come l’unità nazionale d’Italia, come unità morale e sociale di tutti gli italiani e non come pura unità formale e istituzionale (…)”. Così scriveva nel 2002 Cossiga in un suo intervento, oggi appendice […]