/ / di

Marco Travaglio Marco Travaglio

Marco Travaglio

Direttore de Il Fatto Quotidiano e scrittore

Marco Travaglio ha lavorato con Indro Montanelli, prima a «il Giornale» e poi a «La Voce». Ha collaborato con diverse testate, fra cui «Sette», «Cuore», «Il Messaggero», «Il Giorno», «L’Indipendente», «Il Borghese», «la Repubblica» e «l’Unità». Oggi, oltre a collaborare con «l’Espresso», «MicroMega», «A» e con Servizio pubblico di Michele Santoro, è direttore de «il Fatto Quotidiano», che ha contribuito a fondare nel 2009.

Dopo il successo di Promemoria, Anestesia totale, E’ Stato la mafia, Slurp – Lecchini, Cortigiani & Penne alla Bava, è in scena nei teatri italiani con Perché No, insieme a Giorgia Salari.

È autore di molti libri di successo, tra i quali: L’odore dei soldi (con Elio Veltri, Editori Riuniti 2001), Regime (con Peter Gomez, Rizzoli-Bur 2004), Per chi suona la banana (Garzanti 2008), Colti sul fatto (Garzanti 2010). Per Chiarelettere ha pubblicato: “Mani sporche” (con Pter Gomez e Gianni Barbacetto, 2007), “Se li conosci li eviti” (con Peter Gomez, 2008), “Il bavaglio” (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2008), “Italia Annozero“, (con Vauro e Beatrice Borromeo, 2009), “Papi. Uno scandalo politico“, (con Peter Gomez e Marco Lillo, 2009), “Ad personam” (2010), Silenzio, si ruba (dvd+libro, 2011), “Mani pulite. La vera storia vent’anni dopo” (con Gianni Barbacetto e Peter Gomez, 2012), “BerlusMonti(Garzanti, 2012), “L’illusionista. Ascesa e caduta di Umberto Bossi” (con Pino Corrias e Renato Pezzini, Milano, Chiarelettere, 2012), “Viva il Re!(Chiarelettere, 2013), “È Stato la mafia (Chiarelettere, 2014), “Slurp. Dizionario delle lingue italiane” (Chiarelettere, 2015), “Perché NO” (Paper FIRST, 2016),

Articoli Premium di Marco Travaglio

Editoriale - 30 maggio 2017

Istruzioni per l’uso

Ora che pare certo il sistema elettorale tedesco, si spera che non venga snaturato con le solite stravaganze all’italiana per piegarlo alle convenienze di questo o quello. È un modello accettabile per tre motivi: viene dal Paese più prospero e meglio governato tra i grandi d’Europa; ha un impianto proporzionale ed elegge metà parlamentari con […]
Ma mi faccia il piacere - 29 maggio 2017

Ma mi faccia il piacere

Comunisti col Rolex. “Padoan contro l’Imu per i ricchi” (La Stampa, 23.5). “Bocciatura di Morando: ‘Proposta Ue irricevibile’” (ibidem, 22.5). A costo di fare le barricate: miliardari di tutto il mondo, unitevi! Dalla P2 al Pd. “Contro Renzi un disegno eversivo: per questo serve un governo di larghe intese” (Fabrizio Cicchitto, ex tessera P2 n. […]
Editoriale - 28 maggio 2017

Test con piegamenti

In previsione delle spintanee dimissioni di Campo Dall’Orto, sono già iniziati i test attitudinali per selezionare il nuovo ad-dg della Rai. I colloqui, per comodità e chiarezza, si svolgono nella sede Pd al Nazareno. Esaminatore: “Prego, candidato, si accomodi sull’apposito inginocchiatoio. Tre domande, occhio a non sbagliare. Prima: che vogliamo fare di questa Gabanelli?”. Candidato […]
Editoriale - 27 maggio 2017

Chiamate l’esorcista

Aparte il cerone, il capino asfaltato, i miliardi, le televisioni, la condanna, le prescrizioni e le olgettine, che comprensibilmente tiene per sé, Silvio Berlusconi può dirsi soddisfatto: tutto il resto della sua eredità è in buone mani, essendosi trasferita come per possessione diabolica dal suo corpo a quello di Matteo Renzi. Dopo l’attacco alla Costituzione, […]
Editoriale - 26 maggio 2017

Lo Statista di Casoria

Ci sono giornate che partono subito bene, soleggiate e radiose, poi però arriva un nuvolone nero a rattristarle. È quel che ci è accaduto ieri, nell’apprendere che l’onorevole sottosegretario Gennaro Migliore da Casoria non verrebbe mai a cena con noi, mentre con Berlusconi perché no. L’ha detto lui a Un giorno da pecora. E quel […]
Editoriale - 25 maggio 2017

Tutto è perdonato

Rinfacciare a Renzi le sue bugie è come accusare Fabri Fibra o J-Ax di fare rap. Ma noi eravamo rimasti ai suoi proclami: “Un condannato, in un Paese civile, va a casa da sé” (30.8.2013), “Una sentenza definitiva dice che è colpevole: in un qualsiasi Paese dove un leader politico viene condannato, la partita è […]
Editoriale - 24 maggio 2017

Stragi e autostragi

Cosa direste se, dopo la strage di Manchester, qualche pezzo grosso dello Stato, della politica, delle forze dell’ordine e dei servizi segreti britannici si mettesse al lavoro non per scoprire e punire tutti gli esecutori, i complici e i mandanti della mattanza, ma per coprirli facendo sparire le loro carte e quelle degli inquirenti, lasciandoli […]
Italia - 23 maggio 2017

Giovanni Falcone 25 anni dopo. Scarpinato: “Una verità a brandelli. Interessi politici oscuri tramano ancora”

Roberto Scarpinato, lei dov’era il 23 maggio 1992, quando esplose l’autostrada di Capaci e si portò via Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta? Alla Procura di Palermo, dove ero entrato un anno prima nel pool antimafia. Oggi, come ogni anno, anzi di più perché siamo al quarto di secolo, su Capaci si […]
Editoriale - 23 maggio 2017

Saldi di fine stagione

Il nuovo idolo assoluto è Simona Vicari, senatrice ex schifaniana e ora alfaniana, ovviamente indagata per corruzione, che s’è dimessa da sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti. La Procura di Palermo la accusa di aver infilato un emendamento nella legge di Stabilità che dimezzava l’Iva (dal 10 al 5%) sui trasporti marittimi urbani in cambio di […]
Ma mi faccia il piacere - 22 maggio 2017

Ma mi faccia il piacere

Il malato immaginario. “Umanamente mi dispiace per mio padre. È entrato in una storia più grande di lui e solo per il cognome che porta. Ieri, per la seconda volta, in tre mesi mio padre era all’ospedale di Careggi per un altro piccolo intervento al cuore. E alla fine mi viene da pensare che sia […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×