Il sindaco di Saint-Gervais (Francia), Jean Marc Peillex, ha disposto la chiusura dei rifugi di Tete Rousse e del Gouter, lungo la via normale al Monte Bianco più frequentata. “Troppi candidati alla morte – scrive – o addirittura al suicidio” la percorrono, “non ascoltando le guide alpine” che dal 14 luglio non vendono più la salita visti i crolli di pietre sempre più frequenti a causa della siccità. Solo ieri erano “79 gli alpinisti” al rifugio del Gouter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Siccità, sirene morte vicino alla sorgente del Po: la protesta delle attiviste di Extinction Rebellion

next