Contestazione per il neo sindaco di Palermo, Roberto Lagalla. Il primo cittadino, che ieri si è insediato a Palazzo delle Aquile, stamani si è recato in piazza XIII Vittime. Primo atto pubblico dopo la proclamazione è stato l’omaggio a tutti i caduti per mano mafiosa con la deposizione di una corona di fiori nello slargo a loro dedicato. Ad attenderlo, però, ha trovato i ragazzi del collettivo Our Voice. “Sindaco Lagalla, prima di commemorare le vittime di mafia si distacchi dagli uomini condannati per fatti di mafia“, si legge su uno striscione. Il riferimento ancora una volta è all’endorsement nei confronti dell’ex rettore durante la campagna elettorale dell’ex senatore Marcello Dell’Utri e all’appoggio dell’ex governatore Totò Cuffaro, che con il suo partito, la Dc nuova, ha centrato anche l’obiettivo dell’ingresso a Sala delle Lapidi. “Questo è un atto doveroso – ha detto Lagalla che lo scorso 23 maggio, in occasione del trentennale della strage di Capaci, non aveva partecipato alle manifestazioni per evitare ‘strumentalizzazioni’ -. È il momento dei fatti e per noi sulla lotta alla mafia non si arretra di un passo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, dopo i fischi di Taormina e le richieste di Micciché Musumeci si ritira a sorpresa dalla corsa per le regionali: “Toglierò il disturbo”

next
Articolo Successivo

M5s, la scissione di Di Maio: “Oltre 60 parlamentari nel nuovo gruppo”. C’è già il nome: “Insieme per il futuro”. Di Battista: “Il futuro? Il suo”

next