Il finanziere statunitense Carl Icahn ha perso la “battaglia dei maiali” con McDonald’s. L’investitore non è riuscito nel tentativo un numero sufficiente di consensi per i suoi due membri del consiglio di amministrazione che avrebbero spinto, in caso di vittoria, per un migliore trattamento degli animali. L’obiettivo di Icahn era forzare McDonald’s a richiedere a tutti i suoi fornitori di smetterla nel costringere le scrofe incinte in gabbie piccole.

La società ha affermato che la pandemia e le epidemie di peste suina africana l’hanno costretta a posticipare la data per l’abbandono di questi metodi di allevamento, da tempo criticate dalle associazione animaliste. McDonald’s ha anche affermato che l’eliminazione totale dell’uso delle casse aumenterebbe i suoi costi e farebbe pagare di più ai clienti. Il gruppo ha chiuso il 2021 con profitti per 1,6 miliardi di dollari. “Riteniamo che ci sia un collegamento tra le questioni relative al benessere degli animali e una governance inadeguata e, quindi, altri rischi Esg (environmental, social, governance, ossia i criteri per valutare il livello di sostenibilità di un’azienda) cui la società non sta prestando la dovuta attenzione”, ha scritto Ichan nella sua lettera agli azionisti.

Il finanziere ha una piccola partecipazione nel gruppo e quindi non è in grado di influenzare autonomamente le decisioni sella società. I principali azionisti sono il gruppo Vanguard (8,6%), Capital Research (5,9%), State Street (4,9%). Una quota dell’1,5% fa capo alla Bill & Melinda Gates Foundation. Le dimensioni del gruppo che conta oltre 40mila punti vendita nel mondo, fanno si che ogni piccolo cambiamento influenzi profondamente l’intero mercato della carne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Impianti di rinnovabili, Legambiente: “Numeri insufficienti per affrontare caro bollette ed emergenza clima. Snellire l’iter autorizzativo”

next
Articolo Successivo

Transizione ecologica, assegnati i fondi Pnrr per le prime tre Green Communities pilota: “Laboratori a cielo aperto”

next