James Donato, un giudice federale di San Francisco, ha respinto il ricorso dell’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, contro la decisione di Twitter di bandirlo permanentemente dalla piattaforma dopo l’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio 2021, da lui istigato. Nell’ottobre 2021, il tycoon sosteneva che il social network, acquistato recentemente da Elon Musk, aveva violato il primo emendamento della Costituzione sulla libertà di parola, agendo sotto la minaccia dei parlamentari di una regolamentazione. Donato ha motivato la sua decisione affermando che “Twitter è una società privata e il primo emendamento si applica solo alle limitazioni governative del discorso, e non alle presunte limitazioni da parte di aziende private”. Tuttora pendenti analoghi ricorsi del magnate contro Facebook e Youtube.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Russia-Ucraina | La minaccia nucleare tattica, tra simulazioni e precedenti: “Una nube oltre il confine innescherebbe l’escalation”

next
Articolo Successivo

Povertà, Caritas: “Grandissime conseguenze economiche a causa della guerra. Cresceranno i flussi di migrazione”

next