Un altro “atteggiamento”, un altro modo di affrontare i casi di Covid19 e “tanta incertezza”. Così il virologo dell’Amedeo di Savoia di Torino, Giovanni Di Perri, ricorda la prima ondata di Covid-19. Due anni fa, ricorda, “mancavano le protezioni anche per noi operatori sanitari. Sono stati momenti emotivamente difficili, ho anche avuto paura di morire data la mia età”.

Quindi Di Perri guarda all’oggi, all'”ondata veloce” causata da Omicron. “Ora sta scendendo – dice – Le cose stanno andando a posto. Se non facciamo stupidaggini sarà un’estate normale”. E specifica: “Io continuerò a usare la Ffp2 anche se il governo deciderà diversamente”. “Ci sono ambienti che hanno bisogno di rilancio – conclude – anche emotivo come la scuola, e su questo dobbiamo fare di tutto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, ragazzi incappucciati assaltano una struttura che ospita migranti minorenni lanciando sassi e bastoni

next
Articolo Successivo

Monza, mette in scena il proprio sequestro per ottenere 1500 euro dai genitori: “Volevo fare come Lapo Elkann a New York”

next