Secondo Max Weber l’autorità di un capo “carismatico” è “fondata sulla devozione all’eccezionale santità, eroismo o carattere esemplare di una singola persona”. La storia ci offre molti esempi di capi carismatici positivi o negativi, da Gesù a Hitler, e comunque, seppure in modi diversi, tutte queste figure rappresentavano un’autorità unica, assoluta, non certo eletta democraticamente, ma impostasi grazie, appunto, al loro carisma.

Mi è tornato alla mente questo principio, ascoltando in questi ultimi mesi gli innumerevoli osanna al governo dei “migliori” e alla figura di Mario Draghi, che peraltro non si è imposto, ma è stato imposto, vista la pochezza del Parlamento. Ciò che colpisce è il coro di peana a prescindere. Premetto, non sono un analista politico e non mi cimento in questo campo, ma sono un cittadino che vota e cerca di farlo alla luce dei fatti e, sinceramente, a un anno di distanza non sono riuscito a capire in cosa consista questa grande svolta promossa dai “migliori”.

Riguardo alla scuola, al di là di un susseguirsi di normative sempre più confuse e di una assenza di regole certe, non si è fatto pressoché nulla: ci si ritrova più o meno nella situazione precedente. Non sono aumentate le aule e neppure sono stati adeguati i trasporti scolastici. Inoltre è scomparso anche quel piccolo aiuto alle famiglie che consisteva nel cosiddetto bonus psicologo, visti i sempre maggiori problemi riscontrati dalle ragazze e dai ragazzi in seguito alle restrizioni dovute al virus. La pandemia ha messo in luce molto chiaramente quanto sia necessario rafforzare la medicina territoriale, nonché l’organico sanitario a tutti i livelli, vista la carenza di personale e di spazi adeguati.

Cosa è stato fatto? Si è destinata una quota minima del Pnrr, l’8,2%, di cui una piccola parte alla ricerca. Non certo un gran trampolino per il futuro. Per non parlare della cosiddetta “transizione ecologica”, che non prevede nessuna svolta significativa rispetto al consumo energetico e al rispetto dell’ambiente. La grande novità è stato rispolverare il nucleare, con gli impianti di quarta generazione (Matteo Salvini dixit), che al di là della resa, come ha affermato l’ingegner Angelo Tartaglia, “semplicemente non esistono”. Il finanziamento prolungato del bonus casa, oltre a far aumentare i prezzi, finisce per fare guadagnare chi è già più ricco, come le nuove norme fiscali. I migliori non si sono certo impegnati troppo nel ridurre le disuguaglianze sempre crescenti, basti pensare alla reazione alla timida proposta di Enrico Letta di tassare i patrimoni sopra i 100 milioni: “Non è ora di prendere”.

Se poi prendiamo il famigerato Pnrr, che in realtà si chiama Next Generation Eu, sarebbe dovuto servire a innescare una svolta futura, per i giovani. Per farlo, però, occorre avere una visione del futuro e quella di questo governo è chiara: “Andare avanti così come si va ora”, senza nemmeno una gattopardesca finzione di modificare un minimo lo status quo. Dove sarebbe la svolta? Quale paese immaginiamo? A vocazione industriale, turistica, agricola? Si è paragonato il Next Generation Eu a una sorta di Piano Marshall, ma De Gasperi ce l’aveva una visione del futuro e l’Italia è passata da paese agricolo a industriale.

Non sono un elettore 5 Stelle, ma non sono riuscito a percepire questa grande svolta rispetto al governo precedente, che peraltro ha dovuto gestire una situazione anche più difficile e che comunque è stato quello che ha ottenuto quei fondi europei che Draghi e i suoi possono gestire. Forse non era proprio questo che intendeva Platone, quando auspicava il governo dei migliori. Diciamo piuttosto che in democrazia, nella migliore tradizione italica, affidarsi all’uomo forte è un bel modo per scaricarsi da ogni responsabilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quirinal Tango, in diretta il nuovo talk sulla corsa presidenziale. Oggi l’ospite di Antonio Padellaro è Peter Gomez

next
Articolo Successivo

Quirinale o no, Berlusconi avrebbe vinto comunque. Anche stavolta

next