Tamponi nelle parafarmacie? L’emendamento è stato bocciato in Commissione Affari costituzionali del Senato, ma poi giustamente è stato riproposto in Aula. Siccome vi era una discussione in atto, l’emendamento è stato trasformato in ordine del giorno per fare in modo che proprio in questi giorni i nodi vengano sciolti“. Così il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, a “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, sulla possibilità di estendere la possibilità di eseguire i tamponi covid nelle parafarmacie. Due giorni fa, Italia viva e il centrodestra avevano affondato l’emendamento.

“Fare più tamponi è un’esigenza – conclude Sileri – Ed è un’esigenza fare più tamponi nel modo giusto. Quindi, è necessario che questi tamponi vengano inseriti nel flusso informativo del Servizio Sanitario Nazionale. Questi sono nodi che verranno sicuramente risolti. È stato un accordo di maggioranza che alla fine ha portato alla trasformazione dell’emendamento in ordine del giorno, che è una via mediana tale da consentire di arrivare a destinazione più uniti, con concordia e prima”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tamponi nelle parafarmacie, l’emendamento bocciato è il quinto da inizio pandemia: “Motivazioni scandalose, scelte politico-lobbistiche”

next
Articolo Successivo

Quirinale, Salvini, Meloni e Berlusconi insieme fuori da Villa Grande: i saluti e le strette di mano dopo il vertice del centrodestra – Video

next