Anche il governo spagnolo respinge la proposta della Commissione Ue di considerare fonti green il nucleare e le centrali a ciclo combinato alimentate a gas naturale. Lo scrive il quotidiano El Pais citando una nota del Ministero della transizione ecologica spagnolo. “Il gas naturale e il nucleare non possono essere considerati tecnologie verdi o sostenibili nelle normative tassonomiche, a prescindere dalla possibilità che si possano continuare a fare investimenti nell’una o nell’altra. Indipendentemente dal fatto che si continuino a investire nell’una o nell’altra, riteniamo che non siano energie verdi o sostenibili”, sottolinea il vicepresidente nella nota diffusa da Ecological Transition: “Non ha senso e manda segnali sbagliati per la transizione energetica di tutta l’Ue”.

L’inclusione del nucleare nella cosiddetta “tassonomia verde” da parte della Commissione Ue è stata fortemente voluta dalla Francia ma raccoglie anche l’opposizione della Germania. L’inclusione permetterebbe all’atomo di beneficiare dei finanziamenti previsti per la transizione verde europea. Per ora l’Italia tace. Difficile però che Roma contesti le decisioni di Bruxelles che, includendo anche il gas nella lista, favoriscono anche il nostro paese fortemente legato a questo combustibile fossile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nucleare, Austria e Germania contro la bozza Ue che lo propone nella tassonomia verde. Vienna: “Presenteremo azioni legali”

next
Articolo Successivo

Nucleare, levata di scudi contro l’inclusione nella “lista verde” Ue. Austria: “Pronti a fare causa”. Berlino: “Governo compatto contro atomo”

next