Sospeso dalle funzioni e dallo stipendio il giudice della Corte d’Appello di Messina Angelo Giorgianni, che il 9 ottobre scorso parlò dal palco della manifestazione no green pass a Roma. La sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura ha accolto la richiesta di misura cautelare avanzata dal Procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi.

Nel suo intervento Giorgianni aveva chiesto “un processo, una nuova Norimberga” per i politici e il governo, invocando “giustizia per i morti, le privazioni, la sofferenza che hanno causato”. La ministra della Giustizia Marta Cartabia aveva inviato gli ispettori per accertamenti e in contemporanea il Csm ha aperto il procedimento disciplinare. La difesa di Giorgianni aveva provato a giocare la carta del rinvio, allegando la richiesta del magistrato – che dovrebbe andare in pensione a gennaio – di anticipare a novembre il collocamento a riposo (anche se in un’intervista aveva detto di essere pronto alle dimissioni).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ex infermiera di Lugo Daniela Poggiali: “Un errore le foto con i malati”. E spera di tornare a lavorare

next
Articolo Successivo

Processo Mose, confiscati beni per 9 milioni di euro ad Erasmo Cinque: dopo la condanna a 4 anni in appello per corruzione, fu prescritto

next