“Hanno sparato accidentalmente a due persone qui sul set di un film”. È parte del contenuto della prima telefonata arrivata al numero di emergenza 911 dopo che l’attore Alec Baldwin, 63 anni, ha sparato accidentalmente dei colpi di pistola sul set del film western “Rust” in un ranch di Santa Fe. Baldwin ha colpito a morte la direttrice della fotografia Halyna Hutchins, 42 anni, e ferito gravemente il regista Joel Souza. L’attore, coproduttore della pellicola, voleva scaricare la pistola ma non pensava che contenesse proiettili veri. Secondo le prime ricostruzioni, l’assistente Halls l’aveva consegnata a Baldwin urlando “cold gun“, arma non carica. A quel punto l’attore ha sparato colpendo la direttrice della fotografia Halyna Hutchins al petto, uccidendola. Gli investigatori hanno sequestrato tutte le armi e le munizioni e le telecamere presenti sul set al momento della sparatoria. Secondo il Los Angeles Times, diversi membri della troupe avevano abbandonato la produzione preoccupati per le condizioni e i problemi di sicurezza. “Perché mi avete dato una pistola carica? Perché?”, sembra abbia gridato l’attore di Hollywood subito dopo l’incidente

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amanda Knox è diventata mamma, l’annuncio mesi dopo il parto: “Avevo paura dei paparazzi”. La figlia si chiama Eureka Muse

next
Articolo Successivo

Chiara Ferragni in ospedale con la figlia Vittoria: ecco cos’è accaduto

next