Momenti di tensione al presidio davanti al porto di Trieste questa mattina quando Fabio Tuiach, ex pugile ed ex consigliere comunale, noto per le sue posizioni estremiste, ha tentato di bloccare l’accesso al porto. Tuiach è stato fermato dagli stessi portuali presenti al presidio.

Già prima l’ex consigliere comunale aveva aizzato la folla: “Noi portuali abbiamo sempre lavorato anche quando è esplosa la pandemia. Tanti hanno preso il Covid qua, ma noi prima abbiamo sempre lavorato e fino a ora non ci siamo mai fermati, invece adesso per farci lavorare ci viene chiesto il Green pass. Non possiamo essere obbligati a questo per poter lavorare”.

Dopo il momento di agitazione, per allentare la tensione la folla intorno ha intonato qualche canzone tipicamente triestina e poco dopo c’è stato uno scroscio di applausi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No green pass, 2mila persone al Circo Massimo a Roma: “Noi la democrazia”. Manifestanti offrono fiori alla polizia

next
Articolo Successivo

Green pass, i cittadini di San Marino vaccinati con Sputnik sono esentati fino al 31 dicembre: lo ha deciso il Consiglio dei ministri

next