Nel giorno dell’entrata in vigore del green pass nei luoghi di lavoro pubblici e privati, anche a Roma circa duemila persone si sono ritrovate al Circo Massimo per manifestare contro la certificazione verde. L’area è presidiata da alcuni blindati di polizia e carabinieri. La manifestazione, ribattezzata “Sciopero generale del lavoro e del consumo”, è stata indetta da diverse sigle: dai ‘mille avvocati per la Costituzione’, al Movimento ‘Sentinelle della Costituzione’, fino a ‘Forza del popolo’ e al “Sindacato libero ed indipendente dei medici’. Diverse le bandiere e i cartelli, da quelle di Italexit del senatore Gianluigi Paragone a quelle del gruppo guidato dall’avvocato Edoardo Polacco. La protesta, secondo le intenzioni degli organizzatori, doveva svolgersi a piazza Santi Apostoli, ma il luogo non è stato ritenuto idoneo dalle autorità di pubblica sicurezza che, in una riunione di coordinamento, hanno escluso la piazza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, al porto di Livorno nessuna protesta. I sindacati: “Il problema vero è la mancanza di lavoro”

next
Articolo Successivo

No green pass, l’ex pugile Fabio Tuiach tenta di bloccare l’accesso al porto di Trieste e viene fermato dagli stessi portuali – Video

next