Nel giorno della consegna delle firme in Cassazione da parte del comitato promotore del referendum per l’eutanasia legale, in piazza Cavour a Roma si è presentato pure Mario Adinolfi, fondatore del Popolo dalla Famiglia, che ha iniziato a inveire, avvicinandosi a Marco Cappato e agli altri promotori urlando: “State imbrogliando, la Corte costituzionale non potrà mai dare il via libera a questo referendum”. Parole che hanno scatenato le reazioni divertite da parte dei volontari e dello stesso tesoriere dell’asssociazione Luca Coscioni, Marco Cappato, tra cori “libertà, libertà” e applausi ironici. “Quella di Adinolfi è una iniziativa di parassitismo mediatico. Apprezziamo il fatto che si sia riuscito a svegliare in tempo per venire qui, cercando le telecamere. Quando gli ricapita di averle tutte per lui, senza aver fatto nulla”, ha replicato sarcastico. Tutto mentre dal comitato promotore hanno continuato a sbeffeggiare Adinolfi, andato via dopo pochi minuti, dopo aver racimolato qualche ripresa televisiva

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lobby nera, Borghezio: “Terza Lega? Parlavo dei militanti”. Bastoni: “È un taglia e incolla”. La Procura di Milano acquisisce il girato

next
Articolo Successivo

Riforma del catasto: solo un giocherello per assumere qualche laureato in statistica?

next